Barcellona Pozzo di Gotto…. riflessioni urbanistiche n° 2

Barcellona Pozzo di Gotto
…. riflessioni urbanistiche n° 2
 
 
Barcellona capitale della moda !!!
 
In attesa di ritornare al Nord Italia – ed avere altre rogne per le mani … sopratutto di natura raziale, viste le recenti prese di posizione del partito delle teste di cazzo (..sapete di sicuro a chi mi riferisco) e delle loro crociate xenofobe antimeridionali – extracomunitari-extraterrestri – dedico le  recenti pagine del mio blog alla cara città di Barcellona che, da sempre, mi intriga con perle di stranezza ai limiti dell’umana decenza.
 
Oggi vorrei dedicae la mia attenzione ad un fenomeno che negli ultimi 10 anni è cresciuto in maniera esponenziale:
la straordinaria presenza di negozi di abbigliamento !
 
A buon diritto, non Milano ma, Barcellona Pozzo di Gotto andrebbe dichiarata capitale della moda italiana e questo non tanto per la presenza di stilisti di riguardo o di sfilate in passerella, quanto per la staordinaria presenza di un numero elevatissimo di boutique d’abbigliamento; fino ad ora ne ho contate almeno 90 (..ma il numero dovrebbe sfiorare i 130) di cui 60 concentrare nel solo centro urbano.
 
Ovviamente, quando si parla di negozi d’abbigliamento, si potrebbe subito pensare che il numero sia così elevato a causa dell’eccessiva presenza di negozi cinesi… ed invece no ! Le boutique cinesi a barcellona non sono più di 15 (ed – a differenzadei negozi italiani, sono ben distribuite nella città in modo da non farsi reciproca concorrenza)… al contrario, la maggior parte dei negozi in questione sono di italiani, gestiti da italiani ma poi… come tutti d’altronde, si riforniscono dagli stessi grossisti dei cinesi … solo che, a differenza dei cinesi, praticano prezzi maggiorati del 200% … quindi è più che logico che gli unici a lavorare bene siano i cinesi !!!!
 
Così, riflettendo su questi numeri (veramente spropositati a mio dire) …in una città che non ha nulla da offrire ai suoi cittadini, in particolare ai giovani in cerca di un’attività occupazionale, tutti alla fine si ripiegano sulla vendita dei capi d’abbigliamento; la vera domanda è: "ma a chi cavolo li vendono tutti sti vestiti ?"
 
Perchè diciamolo chiaramente, una boutique – sopratutto di quelle piazzate nel centro della città – deve sostenere le seguenti spese:
– affitto del locale
– spese per acquisto delle nuove linee di moda
– retribuzione delle commesse (almeno 2 per negozio)
– spese di pulizia
– spese per le altre utenze
– tasse varie ed eventuali
 
Adesso se la concorrenza fosse rappresentata da 10 – 20 esercizi affini al massimo, si presuppone che mediamente ogni commerciante dovrebbe riuscire a coprire le spese sopra citate ed a ricavarne anche una discreta percentuale di guadagno; ma dato che – come ho detto sopra – la concorrenza è 5 volte maggiore di quella pocanzi presa ad esempio … è matematicamente sicuro che i conti non tornano !!!!
 
Allora le cose sono abbastanza semplici:
– sicuramente le commesse non vengono retribuite … o per lo meno non vengono retribuite adeguatamente, e sicuramente il 70% di loro non sono messe in regola (abitudine piuttosto consolidata in questa città, dove alla richiesta di regolarizazione, solitamente, segue la comunicazione di licenziamento);
 
– in secondo luogo, sicuro come l’aumeto del carburante a ferragosto, le tasse pagate sono nettamente inferiori a quelle che andrebbero dichiarate;
 
– terzo, come già detto sopra, i vestiti vengono venduti con un rincaro del 200% rispetto al prezzo d’acquisto.
 
Eppure, nonostante questi dati siano praticamente palesi e noti a tutti i cittadini, non solo il numero di negozi d’abbigliamento non tende a diminuire, ma continuano a crescere di numero e dove chiude una boutique, una libreria, un fornaio … quasi certamente vedrete aprire un negozio d’abbigliamento.
 
Ed allora, vista questa profonda verità, non è giusto dire che in Italia l’unica autentica capitale della moda è Bacellona Pozzo di Gotto ????
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...